Investimenti: nasce New York Green Bank

Investimenti: nasce New York Green Bank

È nata New York Green Bank: dopo gli annunci risalenti alle ultime settimane del 2013, sta muovendo i suoi primi passi l’istituto legato alla città della Statua della Libertà e finalizzato agli investimenti nel campo delle rinnovabili. Come abbiamo appena avuto modo di ricordare è già da qualche mese che si parla a livello mondiale di New York Green Bank: le informazioni risalenti al periodo natalizio hanno fotografato quello che è stato l’investimento iniziale per la creazione di questo speciale istituto di credito: 210 milioni di dollari, un supporto confermato dal governatore Andrew Cuomo, che ha parlato di quelli che, in questi primi mesi dell’anno, saranno i passi della New York Green Bank.

greeneconomyI

New York Green Bank: cosa farà?

Come si muoverà la New York Green Bank? Prima di ogni cosa Cuomo ha sottolineato l’importanza di lanciare un messaggio preciso ai mercati: gli investimenti green sono sia una priorità per lo stato di New York, sia un canale di crescita impossibile da trascurare per le aziende che vogliono rimanere al passo coi tempi. Un’ovvia attenzione è stata dedicata anche al tema del lavoro, quantomai fondamentale sia considerando il Paese in crisi, sia tenendo conto delle numerose nuove professioni che sono nate attorno al mondo della sostenibilità.

New York Green Bank: il ruolo dell’uragano Sandy

Il percorso della New York Green Bank ha radici nel periodo post uragano Sandy, quando ha preso piede la consapevolezza dell’importanza di snellire i processi che regolano gli investimenti in un settore come quello delle rinnovabili, fondamentale anche per far fronte alle conseguenze dei troppi disastri naturali che hanno visto gli USA protagonisti in questi ultimi 10 anni. Dopo più di un anno di preparazione la New Green Bank è ufficialmente nata e non resta che tenere gli occhi aperti su suoi prossimi passi e sul ruolo che si ritaglierà nell’ambito di quel fervente universo che sono gli investimenti green.

 

 

Replies: 0 /

You might also like …

Post Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *