Startup…atevi la bocca! Il caso Matteo Achilli.

Startup…atevi la bocca! Il caso Matteo Achilli.

Questa è una storia tutta all’italiana. Ci sono ricascati. Sì, un’altra volta, l’ennesima. Un italiano è riuscito a farsi passare come “il nuovo Zuckerberg” millantando fatturati enormi, centinaia di migliaia di iscritti al suo social network in pochi mesi, decine di dipendenti a cui ha dato generosamente lavoro e, in effetti, tutti i media parlano di lui.

Tv, radio, giornali su giornali, riviste autorevoli – dalla BBC al Corriere della Sera – chiunque parla di lui!

Ma aspettate un attimo… qualcuno avrà controllato la consistenza di tutto questo impero, giusto? Le fonti da cui vengono queste informazioni, sono valide? O è tutto autoproclamato? Voglio dire, i giornalisti della BBC, tra i primi ad avergli fatto un’intervista, elogiandolo come mai ho visto fare forse neanche nei confronti di chi le imprese le fa davvero, avranno controllato se quanto dichiarato da un 22enne italiano ben vestito fosse realmente accaduto, o no?

I nomi sono autorevoli, suvvia: Ian Rose e Katharine Bennett-Powell non prenderebbero mai un abbaglio del genere, ed è impensabile che la BBC pubblichi un’intervista che inneggia al “nuovo futuro miliardario italiano” prendendo uno qualunque e lasciandolo parlare senza freni.

Ops, è successo. Di nuovo. E il merito, bisogna riconoscerlo, è tutto italiano.

Sì, perché in Italia siamo fenomenali in fatto di bufale, produciamo la miglior mozzarella di bufala al mondo e in tutto il mondo ci assumono anche per la nostra capacità di spararle grosse. Sono i fatti che ci fregano, sempre. Siamo i numeri uno al mondo a parlare, persuadere e convertire folle intere di ciò che diciamo, riusciremmo a vendere il ghiaccio agli eschimesi, anzi, forse riusciremmo anche a vendere gli eschimesi al ghiaccio! Ma poi arrivano i fatti, le domande e le verifiche, ci mettono alla prova e rovinosamente collassiamo su noi stessi.

È questo il caso dell’ultimo fenomeno mediatico incredibilmente pompato ovunque: “EGOMNIA”. Basta digitare su Google il nome di questo Social Network o del suo fondatore “Matteo Achilli” per trovare decine di autorevolissimi articoli e interviste che ne parlano sorprendentemente bene, anche troppo. Facendo trapelare quella sottile arroganza e smisurata autostima (con un pizzico di senso di onnipotenza) del fondatore stesso. E così Matteo Achilli diventa un personaggio noto, notissimo, più o meno dal nulla: parla al TedEX, viene intervistato da Repubblica, dal Corriere, e così via, la solita passerella del famoso imprenditore. Senza che nessuno si preoccupi di capire se Egomnia sia veramente un’azienda innovativa e che produce fatturati. Ci sorprende davvero? In un Paese dove l’85% degli utenti web si sofferma alla prima pagina senza mai scorrere le altre notizie, la nostra mentalità si è fuorviata: siamo diventati un popolo che crede alla prima notizia detta in tv o sui giornali, senza mai andare a fondo o documentarci. Per fortuna c’è chi – per noia o per curiosità, scegliete voi – è andato a fondo e l’ha fatto. E ha scoperto una delle migliori mozzarelle all’italiana di sempre! Mettiamo a confronto da una parte dichiarazioni, interviste, giornali, tv e le parole di questo “genio e nuovo miliardario italiano” e dall’altra solo una cosa: i FATTI.

Dichiarazioni di Achilli ai giornali Fatti
Fatturato: +500.000€ nei primi 5 mesi Utili: -31€ (1° esercizio); +27.000€ (2° esercizio)
Dipendenti: 20/30 dipendenti assunti Controllate il bilancio pubblico: EGOMNIA S.R.L. bilancio
Utenti: 300.000 iscritti e 700 aziende Poche centinaia di visite al mese, da sempre
Clienti: Bulgari, Eriksson, Calzedonia, etc. Perché non chiedere a loro?
Premi: Start-up dell’anno (2012); Imprenditore dell’anno (2013) Ma chi glieli ha conferiti? Quali istituzioni ci sono dietro questi premi? Se li è autoassegnati? I media non lo dicono.

Ovviamente bastava leggere una copia del bilancio e utilizzare strumenti di monitoraggio del traffico web che dimostrano i fatti sopra descritti: è bene ricordarlo, i fatti vanno sempre dimostrati. A tutto questo, va aggiunto che la sua “funpage”(e non è un mio errore di battitura inglese, perchè vi assicuro che è proprio così che il sito stesso di Egomnia la definisce) conta ad oggi solo 14.000 iscritti. Già da solo, questo sarebbe un risultato abbastanza deludente per un Social Network milionario: se hai 300.000 iscritti, significa che hai un numero congruo di persone che ti conoscono, che usano i tuoi servizi. Insomma, un numero notevole di persone che ti seguono, anche su Facebook. Per fare un confronto, Gi Group, società che si occupa di lavoro interinale, e che dunque raccoglie solo una parte del bacino di interessi di Egomnia, ha circa 90.000 fan su Facebook, realizzati più o meno nello stesso tempo.

Iscrizione Egomnia a sito LikeRipeto, già questo numero sarebbe un problema. Il vero scandalo, però, è che di questi 14.000 fans, una percentuale notevole sia rappresentata da like ottenuti in modo non propriamente “trasparente” o di account non corrispondenti a persone fisiche, comprati da siti blackhat ormai sempre più utilizzati per accrescere la fama e la reputazione fittizia intorno a scatole vuote.

Caro “nuovo Zuckerberg”, la prossima volta che devi turlupinare qualcuno almeno i “like” comprali italiani e non arabi. E ti consiglio di dare un minimo di consistenza a questa cortina fumogena almeno creandoti un tuo profilo LinkedIn ed uno Facebook a tuo nome, dato che non esiste nulla di te da nessuna parte. Ma si sa: i veri geni stanno sempre lontano dai riflettori…

Il bello di tutto questo è che già nel 2012 questo simpatico individuo aveva provato a prendersi gioco dell’informazione italiana, tentando una strategia di marketing aggressiva fondata su dati ingigantiti ed era stato subito scoperto e preso di mira in moltissimi blog e siti dedicati al web. Quindi è ancora più grave il fatto che neanche un anno e mezzo dopo ci abbia riprovato e ci sia addirittura riuscito!

Mi spiace dirlo, ma la colpa è tanto sua quanto dei vari BBC, Corriere della Sera, La Stampa, Linkiesta, Panorama (e così via all’infinito) e dei tanti giornalisti che ormai pur di riempire una paginetta e correre al mare, neanche hanno voglia di andarsi a studiare cosa stanno scrivendo. Un giornalismo che del web e dei suoi processi, probabilmente capisce poco: come fai, da giornalista, a non aver mai sentito parlare di un social che ha 300.000 iscritti solo in Italia? L’avete almeno provato, prima di definirlo un prodotto rivoluzionario? Avete almeno visto il suo Alexa Rank?

Concedetemi un ultimo sfogo: caro Matteo, i veri geni sono coloro che a 23 anni si sono già laureati e stanno disperatamente cercando lavoro in un mondo che ha poca fiducia in loro proprio per colpa degli italiani come te; e non chi si iscrive all’Università per poi passare il tempo a cercare disperatamente di accrescere la sua web reputation, millantando conoscenze e risultati a destra e sinistra, sfruttando qualche amicizia “importante” e approfittando della scarsa professionalità di una parte (per fortuna solo una parte) del giornalismo italiano, per cercare di vendere a qualcuno il suo giocattolino.

L’unica cosa in comune che hai con un vero genio è l’inventiva. Solo che il vero genio si inventa un lavoro e scrive la storia. Tu hai inventato una storia e basta.

Replies: 0 /

You might also like …

Post Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *